L'Assessore Regionale al Diritto alla Salute, Stefania Saccardi - nonché vicepresidente della ‪Regione Toscana‬ - ha visitato questa mattina il nostro Centro Diagnostico, attivo dal 2011 e convenzionato con il Servizio Sanitario della Toscana.

"Con grande piacere sono qui a visitare il Centro Diagnostico della Pubblica Assistenza di ‪Signa‬ - ha detto il Vicepresidente Saccardi - si tratta di un partner importante del Servizio Sanitario Regionale che con la sua attività avvicina sempre di più i servizi al cittadino che è lo scopo che vogliamo ottenere, soprattutto sulla diagnostica di base".

Al Vicepresidente Saccardi è stata illustrata tutta la struttura e in particolare la sala endoscopia e è stato presentato il nuovo servizio di endoscopia in sedazione profonda che sarà operativo dal 1° novembre 2015 e che va ad aggiungersi agli altri servizi di diagnostica endoscopica già presenti. Il servizio, illustrato dal Dr. Lami - responsabile della gastroenterologia - e dalla Dr.ssa Bartoli - anestesista rianimatore - prevede la possibilità di effettuare gastroscopie e colonscopie in narcosi completa, con il continuo monitoraggio dei parametri da parte dell'anestesista, con minore fastidio per il paziente e con maggiori possibilità diagnostiche da parte del gastroenterologo endoscopista. Gli esami vengono svolti in una sala appositamente attrezzata e con la presenza di uno staff medico e infermieristico altamente specializzato.

"Nella mia idea vi è l'obiettivo di realizzare un rapporto sempre più stretto con il privato sociale - ha continuato il Vicepresidente Saccardi - che rappresenta sicuramente una soluzione per migliorare il tema delle liste di attesa che è uno dei punti più critici della nostra sanità".

Al termine della visita il Vicepresidente Saccardi ha brindato alla Pubblica Assistenza di Signa e al successo dei servizi del Centro Diagnostico signese che è l'unica struttura del volontariato convenzionata la Regione per il servizio di endoscopia digestiva.

L'attività della struttura, con circa 2.000 endoscopie (tra gastroscopie e colonscopie) e altri 5.000 esami diagnostici l'anno (tra diagnostica ecografica e angiologica e visite specialistiche in cardiologia, dermatologia, ginecologia, urologia, ortopedia, otorinolaringoiatria, pneumologia, gastroenterologia, endocrinologia) è davvero rilevante per tutto il territorio dell'area metropolitana fiorentina e ha contribuito in modo importante alla riduzione delle liste di attesa sulle prestazioni convenzionate. Presso il Centro è operativo il servizio prelievi ematici per conto dell'ASL di Firenze, con 9.500 prelievi all'anno. Nel Centro sono impiegati 22 medici, 3 infermieri e 5 addetti al servizio di accettazione.


22 Ott 2015


Tags

endoscopia stefania saccardi