La nostra Associazione è stata scelta per ospitare per le notti di venerdì 20 e sabato 21 maggio il ciclista Davide Gaddi, partito da Mirandola e che sta percorrendo l'Italia, nelle Pubbliche Assistenze, per sensibilizzare la popolazione italiana a favore del Nepal terremotato.

«È un modo per restituire quanto abbiamo ricevuto dopo il terremoto del 2012 – commenta il Sindaco di Mirandola, Maino Benatti – ed anche l'occasione per ringraziare, a quattro anni di distanza, quanto ci hanno aiutato nella difficile fase della ricostruzione». Nelle varie tappe del suo viaggio Gaddi incontrerà infatti molte delle persone (rappresentanti di Anpas, della Protezione Civile, semplici cittadini), che hanno aiutato i mirandolesi a rialzarsi nel 2012. «L'idea e l'entusiasmo di Davide ci hanno contagiato – aggiunge Fabrizio Pregliasco, presidente Anpas – L'iniziativa che ha ideato crea un ponte gli emiliani colpiti da un terremoto con un'altra popolazione anch'essa duramente colpita e permette di ricordare a tutti ciò che è stato e ci permette di rilanciare i temi della prevenzione, oltre a dare un concreto sostegno ad un iniziativa vera e documentabile che come Anpas stiamo portando avanti in Nepal».

Il progetto si chiama "Catena Namaste-Davide per il Nepal" ed ha come obiettivo la raccolta fondi per l'orfanotrofio di Lalitpur, in Nepal. A promuoverlo è l'Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze (ANPAS), con il supporto tecnico dell'Istituto di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale di (OGS) e della Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica (ReLUIS), con il sostegno del Comune di Mirandola e il patrocinio della Regione Emilia Romagna, della Provincia di Modena, dell'Unione Comuni Modenesi Area Nord e del Comune di Fanano (MO).

La nostra Associazione augura a Davide Gaddi buona strada e gli da il benvenuto nella nostra sede, tra i nostri Volontari che intervennero a Mirandola e che sono contenti di sostenere, con questa piccola ospitalità nel corso del suo viaggio, il suo impegno di sensibilizzazione nel territorio italiano.

Buona strada Davide e grazie per il tuo impegno di sensibilizzazione!

Ulteriori informazioni:

Condividi

× Per offrirti il miglior servizio possibile, questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookies Accetto